venerdì 15 giugno 2018

FORZA AQUARIUS

di Giuseppe Marazzini
15.06.2018

La questione dei flussi migratori è veramente molto complicata, pensare di risolverla con dei colpi di testa o con dei fatti compiuti è illusorio. Il metodo Salvini rischia di far sbranare l’Italia proprio da quei Paesi, più o meno democratici, che, in Europa e nel mondo, con politiche di protezionismo economico e sociale, oggi sono con te, ma domani saranno contro di te, a seconda del fatto che i migranti siano più o meno utili ai loro bisogni. 

Non è forse in atto, tra i vari Paesi Europei, una selezione tra i vari popoli migratori per garantirsi il migrante “utile”? Un domani, per gli strateghi dell’economia mondiale ed europea, potrebbe essere il popolo dell’Italia ad essere “zavorra” da scaricare. 

Il Movimento5Stelle non può e non deve seguire Salvini perché sarebbe la fine di quell’argine politico, tante volte dichiarato da Grillo, alle tentazioni di imporre in Italia una democrazia dura di impronta fascista basata su un clima di paura sociale.

venerdì 25 maggio 2018

36 COMUNI ITALIANI SI METTONO IN RETE PER CONTRASTARE L’USO DEI PESTICIDI SUL PROPRIO TERRITORIO.

Giuseppe Marazzini
25.05.2018

Rete delle Città


PAN Europe, insieme ai suoi membri affiliati, sta creando una rete congiunta di città libere dai pesticidi in tutta Europa. La Rete delle Città Libere dai Pesticidi prevede un'Europa in cui l'uso di pesticidi sia ridotto al minimo e sostituito con alternative sostenibili, tutelando in questo modo la salute dei cittadini e dell'ambiente e garantendo una migliore qualità di vita. L'obiettivo principale è riunire una massa critica di città impegnate ad eliminare l'uso degli antiparassitari e fornire una piattaforma europea all’interno della quale condividere esperienze, pratiche e conoscenze, ricevendo un supporto reciproco. 

La rete mira, inoltre, ad aumentare la consapevolezza politica a tutti i livelli. L'adesione alle Città Libere dai Pesticidi richiede un impegno politico, vale a dire firmare il Protocollo in modo che i risultati conseguiti possano essere utilizzati anche per sostenere ulteriori adesioni a livello nazionale ed europeo. Il "Protocollo" è un impegno per le città che stanno lavorando per bandire i pesticidi dal loro territorio, o che sono già senza pesticidi e vogliono fare di più (ad esempio vietando i pesticidi anche nelle aree agricole, o supportando l'agricoltura biologica, etc.). 

I comuni italiani ad oggi in rete sono: Acquaviva delle Fonti, Alghero, Aradeo, Barge, Bastida Pancarana, Belluno, Biccari, Bolzano, Casalduni, Cassano delle Murge, Copertino, Fallo, Forni di Sotto, Galatone, Guardia Sanframondi, Limana, Limatola, Lozzolo, Mals, Matino, Melpignano, Miglierina, Montesegale, Morozzo, Nociglia, Occhiobello, Ozalj, Pratola Peligna, Ragusa, Robilante, Roseto Capo Spulico, Salve, San Cassiano, Sorradile, Varese, Volvera.









































Facsimile protocollo

martedì 22 maggio 2018

“MANFREDONIA LA CATASTROFE CONTINUATA” E “LA FABBRICA DELLA FELICITÀ”. PROIEZIONE DEL FILM E INCONTRO CON L’AUTORE DEL LIBRO GIULIO DI LUZIO.

di Giuseppe Marazzini
22.05.2018

Sabato 26 maggio 2018 alle ore 15.00 presso la Biblioteca Civica di Castellanza (VA) in Piazza Castegnate 2/bis, verrà proiettato a cura del Centro per la Salute “Giulio A. Maccacaro” Onlus, il docu-film sul disastro di Manfredonia e presentato dall’autore, il libro “La fabbrica della felicità”.